select


25/02/2017

Coppa Italia A1/A2

VENEZIA - Se è vero che la perfezione è, in senso lato, uno stato di completezza e di ineccepibilità, allora i primi due quarti di gioco offerti da Lucca nella seconda semifinale dell’Umana Cup è qualcosa che si avvicina molto al concetto di perfezione.

44 punti realizzati contro i 26 lasciati a Ragusa, con il 54% da 2, con il doppio dei rimbalzi conquistati (22-11), e con più del triplo di valutazione (60-23), hanno dato l’abbrivio all’ennesima prova corale di una squadra, quella guidata da Mirko Diamanti, che non a caso comanda la classifica della serie A1 e contenderà, domani, la Coppa Italia all’ormai “solito” avversario del Famila Schio.

Eppure Ragusa era partita benissimo, 0-4 in meno di un minuto con i canestri di Formica e Gorini; poi il primo parziale di 11-0 ispirato da una Harmon sontuosa (16 punti all’intervallo, con 7 rimbalzi, 3 assist e 29 di valutazione), e alla prima sirena il vantaggio di Lucca era già in doppia cifra, 21-11.

In apertura di secondo quarto Lucca trovava punti e difesa anche da Ngo Ndjock (29-16). Lambruschi provava ad estrarre dal cilindro una delle sue proverbiali difese ma la zona 3-2 non solo non sortiva gli effetti sperati, ma consentiva a Dotto, Tognalini e Battisodo di colpire dalla linea dei 6.75 per il 44-26 di metà gara.

L’intervallo non rigenerava Ragusa che, anzi, smarriva del tutto la via del canestro segnando 10 punti nel quarto con Vanloo utilizzata solo 3’ e in serata di scarsa ispirazione soprattutto con le lunghe Larkins e Ndour. Nessun problema per Lucca che poteva permettersi di far rifiatare Harmon e chiudeva il terzo parziale sul 64-36.

Gli ultimi 10’ erano una passerella per Lucca ed un supplizio aggiuntivo per Ragusa, in rottura prolungata e incapace di produrre una reazione di orgoglio fino al 81-49 della sirena finale.

Domani alle ore 18 (diretta Sportitalia con telecronaca di Matteo Gandini, commento tecnico di Alice Pedrazzi e bordocampo a cura di Giulia Cicchiné) Lucca e Schio daranno vita per la terza volta ad una finalissima di Coppa Italia, con le scledensi vittoriose nelle due precedenti occasioni, a Lucca nel 2013 e a Ragusa nel 2014.

Schio punta alla “decima”, Lucca alla “prima”. Lo spettacolo è assicurato!!!

Gesam Gas Lucca - Passalacqua Ragusa 81 - 49 (21-13, 44-26, 64-36)
GESAM GAS LUCCA: Battisodo V. 7 (1/2, 1/4), Landi A. (0/1, 0/1), Tognalini F. 10 (1/3, 2/2), Pedersen K. 6 (2/6), Dotto F. 12 (3/8, 2/4), Wojta J. 10 (4/8, 0/2), Harmon J. 16 (6/9), Crippa M. 7 (2/3, 1/1), Miccoli M. , Salvestrini C. , Ngo Ndjock M. 11 (4/6), Mandroni M. 2 (1/1), All. Diamanti Mirko
PASSALACQUA RAGUSA: Larkins E. 8 (4/7), Consolini C. 8 (1/5, 1/3), Gorini M. 9 (4/7, 0/1), Valerio L. , Spreafico L. 6 (2/2, 0/3), Formica A. 4 (2/7, 0/1), Bagnara B. 2 (1/1, 0/1), Brunetti F. (0/1), Vanloo J. 5 (1/1, 1/4), Ndour Gueye A. 7 (2/4, 1/2), All. Lambruschi Gianni
ARBITRI:Marco Vita, Daniela Bellamio, Giulia Sartori
NOTE:  Gesam Gas Lucca tiri da due 24/47 (51,1%), tiri da tre 6/14 (42,9%), tiri liberi 15/21 (71,4%), rimbalzi dif. 30, off 11, palle perse 18, rec. 27. Passalacqua Ragusa tiri da due 17/35 (48,6%), tiri da tre 3/15 (20%), tiri liberi 6/10 (60%), rimbalzi dif. 22, off 3, palle perse 24, rec. 19. 



Area Comunicazione LBF

Leggi...
25/02/2017

Coppa Italia A1/A2

VENEZIA - Se è vero che la perfezione è, in senso lato, uno stato di completezza e di ineccepibilità, allora i primi due quarti di gioco offerti da Lucca nella seconda semifinale dell’Umana Cup è qualcosa che si avvicina molto al concetto di perfezione.

44 punti realizzati contro i 26 lasciati a Ragusa, con il 54% da 2, con il doppio dei rimbalzi conquistati (22-11), e con più del triplo di valutazione (60-23), hanno dato l’abbrivio all’ennesima prova corale di una squadra, quella guidata da Mirko Diamanti, che non a caso comanda la classifica della serie A1 e contenderà, domani, la Coppa Italia all’ormai “solito” avversario del Famila Schio.

Eppure Ragusa era partita benissimo, 0-4 in meno di un minuto con i canestri di Formica e Gorini; poi il primo parziale di 11-0 ispirato da una Harmon sontuosa (16 punti all’intervallo, con 7 rimbalzi, 3 assist e 29 di valutazione), e alla prima sirena il vantaggio di Lucca era già in doppia cifra, 21-11.

In apertura di secondo quarto Lucca trovava punti e difesa anche da Ngo Ndjock (29-16). Lambruschi provava ad estrarre dal cilindro una delle sue proverbiali difese ma la zona 3-2 non solo non sortiva gli effetti sperati, ma consentiva a Dotto, Tognalini e Battisodo di colpire dalla linea dei 6.75 per il 44-26 di metà gara.

L’intervallo non rigenerava Ragusa che, anzi, smarriva del tutto la via del canestro segnando 10 punti nel quarto con Vanloo utilizzata solo 3’ e in serata di scarsa ispirazione soprattutto con le lunghe Larkins e Ndour. Nessun problema per Lucca che poteva permettersi di far rifiatare Harmon e chiudeva il terzo parziale sul 64-36.

Gli ultimi 10’ erano una passerella per Lucca ed un supplizio aggiuntivo per Ragusa, in rottura prolungata e incapace di produrre una reazione di orgoglio fino al 81-49 della sirena finale.

Domani alle ore 18 (diretta Sportitalia con telecronaca di Matteo Gandini, commento tecnico di Alice Pedrazzi e bordocampo a cura di Giulia Cicchiné) Lucca e Schio daranno vita per la terza volta ad una finalissima di Coppa Italia, con le scledensi vittoriose nelle due precedenti occasioni, a Lucca nel 2013 e a Ragusa nel 2014.

Schio punta alla “decima”, Lucca alla “prima”. Lo spettacolo è assicurato!!!

Gesam Gas Lucca - Passalacqua Ragusa 81 - 49 (21-13, 44-26, 64-36)
GESAM GAS LUCCA: Battisodo V. 7 (1/2, 1/4), Landi A. (0/1, 0/1), Tognalini F. 10 (1/3, 2/2), Pedersen K. 6 (2/6), Dotto F. 12 (3/8, 2/4), Wojta J. 10 (4/8, 0/2), Harmon J. 16 (6/9), Crippa M. 7 (2/3, 1/1), Miccoli M. , Salvestrini C. , Ngo Ndjock M. 11 (4/6), Mandroni M. 2 (1/1), All. Diamanti Mirko
PASSALACQUA RAGUSA: Larkins E. 8 (4/7), Consolini C. 8 (1/5, 1/3), Gorini M. 9 (4/7, 0/1), Valerio L. , Spreafico L. 6 (2/2, 0/3), Formica A. 4 (2/7, 0/1), Bagnara B. 2 (1/1, 0/1), Brunetti F. (0/1), Vanloo J. 5 (1/1, 1/4), Ndour Gueye A. 7 (2/4, 1/2), All. Lambruschi Gianni
ARBITRI:Marco Vita, Daniela Bellamio, Giulia Sartori
NOTE:  Gesam Gas Lucca tiri da due 24/47 (51,1%), tiri da tre 6/14 (42,9%), tiri liberi 15/21 (71,4%), rimbalzi dif. 30, off 11, palle perse 18, rec. 27. Passalacqua Ragusa tiri da due 17/35 (48,6%), tiri da tre 3/15 (20%), tiri liberi 6/10 (60%), rimbalzi dif. 22, off 3, palle perse 24, rec. 19. 



Area Comunicazione LBF


Leggi...
25/02/2017

Coppa Italia A1/A2

VENEZIA - Spalti gremiti, bellissime maschere a ricordare a tutti che Venezia è pur sempre la città del Carnevale per eccellenza, il presidente federale Giovanni Petrucci in parterre e l’inno di Mameli eseguito dalla banda, gli ingredienti che hanno dato il via alla Umana Cup, la final four di Coppa Italia di Serie A1.

Degno preludio al derby tra la squadra di casa della Reyer, per l’occasione in campo con una divisa “limited edition” con motivi della maschera di Arlecchino, e il Famila Schio, reduce dalla splendida qualificazione ai quarti di finale di Eurolega ma anche dall’avvicendamento sulla panchina dove Mendez, ricordato da uno striscione della curva orange, ha lasciato il posto a Procaccini, e alla caccia del successo numero 10 in Coppa Italia.

Una sfida scoppiettante fin dalla palla a due iniziale, con il botta e risposta Micovic-Macchi per il 5-5 dopo 2’, preludio al tentativo di fuga di Venezia ispirato da Walker (8 punti nel primo quarto) per il +6 (11-5) dopo nemmeno 4’. Procaccini cambia quasi tutto il quintetto ed è Sottana a suonare la carica con 7 punti consecutivi: parziale di 2-11 e ribaltone alla prima sirena, 15-19.

Equilibrio e spettacolo anche nel secondo quarto, che inizia nel segno di Walker (14 a metà gara ma anche 2 falli che costringono coach Liberalotto a richiamarla in panchina) e si conclude nel segno di Macchi, che incanta gli oltre 3000 del Taliercio segnando 11 punti in 7’ mandando Schio avanti al riposo (35-41).

Al rientro dagli spogliatoi Zandalasini con due perle consecutive (la seconda dopo un assist schiacciato a terra a tutto campo da cineteca di Macchi) issa Schio al massimo vantaggio 35-45; Venezia non trova punti dalle esterne e Walker e Ruzickova (24 punti in coppia dopo 30’) hanno problemi di falli, così nonostante la buona volontà il distacco rimane invariato fino al 45-53 della penultima sirena.

Ruzickova apre le danze nell’ultimo quarto con il punto numero 10 che regala l’ultimo sussulto alla Reyer (47-53); la risposta di Schio è un parziale di 0-14 per il 47-67 del 37’ che mandano in onda con largo anticipo i titoli di coda.

Il Famila Schio è la prima finalista (55-67 il finale) dell’edizione numero 32 della Coppa Italia, per l’ottava edizione consecutiva, e Macchi la MVP con una prestazione da 15 punti, 4/6 dal campo, 8 rimbalzi e 4 assist.

Umana Reyer Venezia - Famila Wuber Schio 55 - 67 (15-19, 35-41, 45-53) 
UMANA REYER VENEZIA: Micovic M. 8 (0/1, 2/3), Melchiori F. (0/1), Carangelo D. 6 (1/5, 1/5), Sandri M. , Cubaj L. (0/1), Ruzickova M. 12 (6/11), Dotto C. 6 (1/3, 1/2), Madera S. NE , Togliani A. NE , Fontenette A. 7 (3/12, 0/1), Walker A. 16 (6/12, 0/2), Favento S. (0/1, 0/1), All. Liberalotto Andrea
FAMILA WUBER SCHIO: Martinez Prat N. 4 (2/6, 0/1), Bestagno M. 1 (0/3), Gatti G. 2 (1/1), Miyem N. (0/4, 0/1), Tagliamento M. 2 (1/2, 0/1), Anderson J. 13 (5/7, 1/4), Masciadri R. 2 (1/1, 0/1), Zandalasini C. 11 (5/10), Sottana G. 9 (3/6, 1/3), Ress K. 8 (3/3), Macchi L. 15 (2/3, 2/3), All. Procaccini Mauro
ARBITRI:Daniele Alfio Foti, Angela Rita Castiglione, Diletta Bandinelli
NOTE:  Umana Reyer Venezia tiri da due 17/47 (36,2%), tiri da tre 4/14 (28,6%), tiri liberi 9/11 (81,8%), rimbalzi dif. 27, off 9, palle perse 17, rec. 17. Famila Wuber Schio tiri da due 23/46 (50%), tiri da tre 4/14 (28,6%), tiri liberi 9/14 (64,3%), rimbalzi dif. 32, off 8, palle perse 15, rec. 19.


Area Comunicazione LBF

Leggi...
25/02/2017

Coppa Italia A1/A2

VENEZIA - Spalti gremiti, bellissime maschere a ricordare a tutti che Venezia è pur sempre la città del Carnevale per eccellenza, il presidente federale Giovanni Petrucci in parterre e l’inno di Mameli eseguito dalla banda, gli ingredienti che hanno dato il via alla Umana Cup, la final four di Coppa Italia di Serie A1.

Degno preludio al derby tra la squadra di casa della Reyer, per l’occasione in campo con una divisa “limited edition” con motivi della maschera di Arlecchino, e il Famila Schio, reduce dalla splendida qualificazione ai quarti di finale di Eurolega ma anche dall’avvicendamento sulla panchina dove Mendez, ricordato da uno striscione della curva orange, ha lasciato il posto a Procaccini, e alla caccia del successo numero 10 in Coppa Italia.

Una sfida scoppiettante fin dalla palla a due iniziale, con il botta e risposta Micovic-Macchi per il 5-5 dopo 2’, preludio al tentativo di fuga di Venezia ispirato da Walker (8 punti nel primo quarto) per il +6 (11-5) dopo nemmeno 4’. Procaccini cambia quasi tutto il quintetto ed è Sottana a suonare la carica con 7 punti consecutivi: parziale di 2-11 e ribaltone alla prima sirena, 15-19.

Equilibrio e spettacolo anche nel secondo quarto, che inizia nel segno di Walker (14 a metà gara ma anche 2 falli che costringono coach Liberalotto a richiamarla in panchina) e si conclude nel segno di Macchi, che incanta gli oltre 3000 del Taliercio segnando 11 punti in 7’ mandando Schio avanti al riposo (35-41).

Al rientro dagli spogliatoi Zandalasini con due perle consecutive (la seconda dopo un assist schiacciato a terra a tutto campo da cineteca di Macchi) issa Schio al massimo vantaggio 35-45; Venezia non trova punti dalle esterne e Walker e Ruzickova (24 punti in coppia dopo 30’) hanno problemi di falli, così nonostante la buona volontà il distacco rimane invariato fino al 45-53 della penultima sirena.

Ruzickova apre le danze nell’ultimo quarto con il punto numero 10 che regala l’ultimo sussulto alla Reyer (47-53); la risposta di Schio è un parziale di 0-14 per il 47-67 del 37’ che mandano in onda con largo anticipo i titoli di coda.

Il Famila Schio è la prima finalista (55-67 il finale) dell’edizione numero 32 della Coppa Italia, per l’ottava edizione consecutiva, e Macchi la MVP con una prestazione da 15 punti, 4/6 dal campo, 8 rimbalzi e 4 assist.

Umana Reyer Venezia - Famila Wuber Schio 55 - 67 (15-19, 35-41, 45-53) 
UMANA REYER VENEZIA: Micovic M. 8 (0/1, 2/3), Melchiori F. (0/1), Carangelo D. 6 (1/5, 1/5), Sandri M. , Cubaj L. (0/1), Ruzickova M. 12 (6/11), Dotto C. 6 (1/3, 1/2), Madera S. NE , Togliani A. NE , Fontenette A. 7 (3/12, 0/1), Walker A. 16 (6/12, 0/2), Favento S. (0/1, 0/1), All. Liberalotto Andrea
FAMILA WUBER SCHIO: Martinez Prat N. 4 (2/6, 0/1), Bestagno M. 1 (0/3), Gatti G. 2 (1/1), Miyem N. (0/4, 0/1), Tagliamento M. 2 (1/2, 0/1), Anderson J. 13 (5/7, 1/4), Masciadri R. 2 (1/1, 0/1), Zandalasini C. 11 (5/10), Sottana G. 9 (3/6, 1/3), Ress K. 8 (3/3), Macchi L. 15 (2/3, 2/3), All. Procaccini Mauro
ARBITRI:Daniele Alfio Foti, Angela Rita Castiglione, Diletta Bandinelli
NOTE:  Umana Reyer Venezia tiri da due 17/47 (36,2%), tiri da tre 4/14 (28,6%), tiri liberi 9/11 (81,8%), rimbalzi dif. 27, off 9, palle perse 17, rec. 17. Famila Wuber Schio tiri da due 23/46 (50%), tiri da tre 4/14 (28,6%), tiri liberi 9/14 (64,3%), rimbalzi dif. 32, off 8, palle perse 15, rec. 19.


Area Comunicazione LBF


Leggi...
24/02/2017

Coppa Italia A1/A2
Le Final Four di Coppa Italia femminile “Trofeo Umana” in programma sabato 25 e domenica 26 febbraio saranno caratterizzate da numerosi momenti di spettacolo ed intrattenimento che andranno ad arricchire lo spettacolo del parquet e porteranno il magnifico clima del Carnevale di Venezia al Palasport Taliercio.
In particolare, negli intervalli della prima semifinale tra Umana Reyer Venezia e Famila Wuber Schio si esibiranno le ragazze della Associazione Sportiva “La ruota” di Vigonza che proporranno una coreografia in tema carnevalesco.
La seconda semifinale tra Gesam Gas Lucca e Passalacqua Ragusa in programma alle 19.45, vedrà protagonista il gruppo “Mad Fusion” appartenente alla scuola “Victoria Center” di Salzano che offrirà al pubblico un’esibizione di hip-hop.
Alle Final Four di Coppa Italia il Carnevale sarà protagonista anche sulle tribune, la maschera più bella verrà premiata sul parquet del Taliercio durante l’evento mentre i più piccoli potranno divertirsi grazie al trucca bimbi e ad altre sorprese a tema carnevalesco. Tutti coloro che saranno al Palasport in maschera potranno scattare una foto ricordo grazie al nostro fotografo.
In occasione della finalissima di Coppa Italia, in programma domenica 26 alle 18.00, saranno le Teals Cheerleaders, campionesse d’Italia, e la Polisportiva Terraglio ad allietare gli spettatori con spettacolari coreografie.
Sarà dunque un week-end di sport e spettacolo con il Carnevale grande protagonista, vi aspettiamo in maschera per vivere insieme le emozioni delle Final Four di Coppa Italia Trofeo Umana!
Leggi...
24/02/2017

Coppa Italia A1/A2Le Final Four di Coppa Italia femminile “Trofeo Umana” in programma sabato 25 e domenica 26 febbraio saranno caratterizzate da numerosi momenti di spettacolo ed intrattenimento che andranno ad arricchire lo spettacolo del parquet e porteranno il magnifico clima del Carnevale di Venezia al Palasport Taliercio.
In particolare, negli intervalli della prima semifinale tra Umana Reyer Venezia e Famila Wuber Schio si esibiranno le ragazze della Associazione Sportiva “La ruota” di Vigonza che proporranno una coreografia in tema carnevalesco.
La seconda semifinale tra Gesam Gas Lucca e Passalacqua Ragusa in programma alle 19.45, vedrà protagonista il gruppo “Mad Fusion” appartenente alla scuola “Victoria Center” di Salzano che offrirà al pubblico un’esibizione di hip-hop.
Alle Final Four di Coppa Italia il Carnevale sarà protagonista anche sulle tribune, la maschera più bella verrà premiata sul parquet del Taliercio durante l’evento mentre i più piccoli potranno divertirsi grazie al trucca bimbi e ad altre sorprese a tema carnevalesco. Tutti coloro che saranno al Palasport in maschera potranno scattare una foto ricordo grazie al nostro fotografo.
In occasione della finalissima di Coppa Italia, in programma domenica 26 alle 18.00, saranno le Teals Cheerleaders, campionesse d’Italia, e la Polisportiva Terraglio ad allietare gli spettatori con spettacolari coreografie.
Sarà dunque un week-end di sport e spettacolo con il Carnevale grande protagonista, vi aspettiamo in maschera per vivere insieme le emozioni delle Final Four di Coppa Italia Trofeo Umana!
Leggi...
24/02/2017

Coppa Italia A1/A2
Si va a Venezia, per una delle manifestazioni più importanti della stagione. Ragusa c'è e vuole fare il meglio possibile. Tutto pronto per le Final Four di coppa Italia, che si svolgeranno al Palataliercio domani e domenica e che vedranno, oltre alla formazione ragusana, i padroni di casa della Reyer Venezia, la Gesam Gas Lucca e il Famila Schio. La Passalacqua sarà impegnata domani alle 19,45 contro Lucca, mentre nell'altra semifinale si sfideranno, con inizio alle ore 17,30, Venezia e Schio. La finale è in programma domenica alle ore 18,00. Gruppo al gran completo, massima concentrazione e voglia di fare bene: questa l'atmosfera che si respira nell'ambiente biancoverde alla vigilia della competizione. Il presidente, Gianstefano Passalacqua: "Andiamo a difendere il titolo conquistato l'anno scorso – dice il massimo esponente della società iblea - ma questo non vuol dire niente, perché si tratta di un torneo a sé, dove si parte da zero e tutto può succedere. Parliamo del gotha del basket femminile italiano, sono quattro squadre che possono tutte vincere il trofeo e sono certo che sarà una manifestazione avvincente, dove noi dovremo dare il meglio, innanzitutto in semifinale, senza pensare al dopo. Ci aspettiamo come l'anno scorso un arbitraggio eccellente, per il quale nessuno ha avuto niente da dire. Noi ovviamente speriamo di fare il meglio possibile, poi com'è nostro stile, che vinca il migliore". 
Il tecnico della squadra ragusana, Gianni Lambruschi, fa il punto della situazione sullo stato di salute della squadra: "Ci accingiamo a prendere parte a questa manifestazione con la squadra finalmente in salute, sembra che siano rientrati tutti i vari acciacchi ed in questo senso lo staff medico ha lavorato a pieno regime. Tra l'altro abbiamo avuto finalmente quattro giorni per allenarci e questo non succedeva da Natale. Le quattro straniere? Dovremo valutare attentamente perché ne abbiamo tre più o meno nello stesso ruolo e questo è limitativo, però è chiaro che ogni sostituzione crea uno scompenso dall'altra parte. Intanto giochiamo con Lucca la semifinale e poi scopriremo quale sarà il nostro futuro. Diciamo che più che difendere la coppa Italia del 2016 andiamo a cercare quella del 2017". 
Il capitano della squadra, Lia Valerio fa invece il punto sulla voglia che c'è in seno allo spogliatoio: "Siamo nel pieno della stagione – commenta l'esterna biancoverde - e stiamo attraversando un periodo ricco di impegni di rilievo. Ogni partita può rappresentare una svolta importante in vista del finale di stagione e questo rappresenta per noi un grande stimolo. La Coppa Italia è un appuntamento a cui squadra e società tengono molto e la semifinale sarà una partita difficile e intensa; non vediamo l'ora di scendere in campo e stiamo lavorando sodo per essere pronte".

Michele Farinaccio, Ufficio stampa Passalacqua Ragusa 
Leggi...
24/02/2017

Coppa Italia A1/A2Si va a Venezia, per una delle manifestazioni più importanti della stagione. Ragusa c'è e vuole fare il meglio possibile. Tutto pronto per le Final Four di coppa Italia, che si svolgeranno al Palataliercio domani e domenica e che vedranno, oltre alla formazione ragusana, i padroni di casa della Reyer Venezia, la Gesam Gas Lucca e il Famila Schio. La Passalacqua sarà impegnata domani alle 19,45 contro Lucca, mentre nell'altra semifinale si sfideranno, con inizio alle ore 17,30, Venezia e Schio. La finale è in programma domenica alle ore 18,00. Gruppo al gran completo, massima concentrazione e voglia di fare bene: questa l'atmosfera che si respira nell'ambiente biancoverde alla vigilia della competizione. Il presidente, Gianstefano Passalacqua: "Andiamo a difendere il titolo conquistato l'anno scorso – dice il massimo esponente della società iblea - ma questo non vuol dire niente, perché si tratta di un torneo a sé, dove si parte da zero e tutto può succedere. Parliamo del gotha del basket femminile italiano, sono quattro squadre che possono tutte vincere il trofeo e sono certo che sarà una manifestazione avvincente, dove noi dovremo dare il meglio, innanzitutto in semifinale, senza pensare al dopo. Ci aspettiamo come l'anno scorso un arbitraggio eccellente, per il quale nessuno ha avuto niente da dire. Noi ovviamente speriamo di fare il meglio possibile, poi com'è nostro stile, che vinca il migliore". 
Il tecnico della squadra ragusana, Gianni Lambruschi, fa il punto della situazione sullo stato di salute della squadra: "Ci accingiamo a prendere parte a questa manifestazione con la squadra finalmente in salute, sembra che siano rientrati tutti i vari acciacchi ed in questo senso lo staff medico ha lavorato a pieno regime. Tra l'altro abbiamo avuto finalmente quattro giorni per allenarci e questo non succedeva da Natale. Le quattro straniere? Dovremo valutare attentamente perché ne abbiamo tre più o meno nello stesso ruolo e questo è limitativo, però è chiaro che ogni sostituzione crea uno scompenso dall'altra parte. Intanto giochiamo con Lucca la semifinale e poi scopriremo quale sarà il nostro futuro. Diciamo che più che difendere la coppa Italia del 2016 andiamo a cercare quella del 2017". 
Il capitano della squadra, Lia Valerio fa invece il punto sulla voglia che c'è in seno allo spogliatoio: "Siamo nel pieno della stagione – commenta l'esterna biancoverde - e stiamo attraversando un periodo ricco di impegni di rilievo. Ogni partita può rappresentare una svolta importante in vista del finale di stagione e questo rappresenta per noi un grande stimolo. La Coppa Italia è un appuntamento a cui squadra e società tengono molto e la semifinale sarà una partita difficile e intensa; non vediamo l'ora di scendere in campo e stiamo lavorando sodo per essere pronte".

Michele Farinaccio, Ufficio stampa Passalacqua Ragusa 
Leggi...
23/02/2017

Coppa Italia A1/A2
Tempo di Final Four di Coppa Italia, tempo di alzare l'asticella e dare fondo a tutte le energie, fisiche e mentali, per giocarsi fino all'ultima goccia di sudore e senza rimpianti ogni possibilità di vittoria. Questo l'obiettivo del team biancorosso che, nel weekend al PalaTaliercio di Mestre, si giocherà il trofeo assieme alla Passalacqua Ragusa, al Famila Schio (appena approdata ai quarti di Eurolega, complimenti!) e alla Reyer Venezia padrona di casa. Si parte alle 17:30, con il match fra Venezia contro Schio e, a seguire, alle ore 19:45, Lucca contro Ragusa, detentrice del trofeo.
Indubbiamente servirà una grande impresa da parte delle biancorosse, di carattere ed estrema attenzione. E' vero che Ragusa è stata battuta da Gesam nei due incontri di campionato, ma è altrettanto vero che la Passalacqua è una corazzata dal roster lungo e talentuoso, che ha disputato l'Eurocup e con giocatrici che sanno come affrontare partite di questo tipo. Lucca dovrà dare il massimo per contrastare la fisicità avversaria, soprattutto se le scelte di coach Lambruschi cadranno sul trio Larkins-Nicholls-Ndour e, allo stesso tempo, adattarsi alle rotazioni biancoverdi, con un occhio particolare a Consolini, che viaggia in doppia cifra in campionato e, eventualmente, all'estro del play Vanloo. Sarà una partita intensa e di sicuro spettacolo, con Gesam che cercherà con la stessa grinta e determinazione di sempre, assieme all'apporto dei propri tifosi, di conquistare la finale.
"È con grande entusiasmo che la squadra si sta preparando a questo importante appuntamento della Final Four di Coppa Italia – dichiara coach Piazza -. Sappiamo bene che le nostre tre avversarie hanno costruito organici in grado di vincere non solo in campionato e Coppa Italia, ma anche in Europa e che non siamo noi la squadra da battere, ma la consapevolezza acquisita nel corso di questa stagione e che parte dalle precedenti, ci dà grande fiducia. La continuità di risultati degli ultimi mesi, l'aver giocato alla pari con le nostre avversarie avendole già battute almeno una volta quest'anno, il primato in classifica che ci permette di arrivare a questo appuntamento da testa di serie, sono elementi oggettivi che ci fanno fortemente credere di potercela giocare con concrete possibilità. Ed è quello che vogliamo fare con tutte le nostre forze. La semifinale con Ragusa sarà durissima: loro sono l'unica squadra che, in casa nostra, ci ha messo sotto per lunghi tratti della gara. Il loro nuovo assetto con Ndour da numero 3 ci potrà creare problemi difensivi negli accoppiamenti e a rimbalzo, oltre che offensivi per la grande fisicità del loro quintetto. Dovremo superarci per batterle. Confidiamo anche nel fatto che molti tifosi vengano a sostenerci: ci piacerebbe veramente regalare a loro ed a noi il primo trofeo che sarebbe il coronamento di alcune stagioni ad altissimo livello".
Leggi...
23/02/2017

Coppa Italia A1/A2Tempo di Final Four di Coppa Italia, tempo di alzare l'asticella e dare fondo a tutte le energie, fisiche e mentali, per giocarsi fino all'ultima goccia di sudore e senza rimpianti ogni possibilità di vittoria. Questo l'obiettivo del team biancorosso che, nel weekend al PalaTaliercio di Mestre, si giocherà il trofeo assieme alla Passalacqua Ragusa, al Famila Schio (appena approdata ai quarti di Eurolega, complimenti!) e alla Reyer Venezia padrona di casa. Si parte alle 17:30, con il match fra Venezia contro Schio e, a seguire, alle ore 19:45, Lucca contro Ragusa, detentrice del trofeo.
Indubbiamente servirà una grande impresa da parte delle biancorosse, di carattere ed estrema attenzione. E' vero che Ragusa è stata battuta da Gesam nei due incontri di campionato, ma è altrettanto vero che la Passalacqua è una corazzata dal roster lungo e talentuoso, che ha disputato l'Eurocup e con giocatrici che sanno come affrontare partite di questo tipo. Lucca dovrà dare il massimo per contrastare la fisicità avversaria, soprattutto se le scelte di coach Lambruschi cadranno sul trio Larkins-Nicholls-Ndour e, allo stesso tempo, adattarsi alle rotazioni biancoverdi, con un occhio particolare a Consolini, che viaggia in doppia cifra in campionato e, eventualmente, all'estro del play Vanloo. Sarà una partita intensa e di sicuro spettacolo, con Gesam che cercherà con la stessa grinta e determinazione di sempre, assieme all'apporto dei propri tifosi, di conquistare la finale.
"È con grande entusiasmo che la squadra si sta preparando a questo importante appuntamento della Final Four di Coppa Italia – dichiara coach Piazza -. Sappiamo bene che le nostre tre avversarie hanno costruito organici in grado di vincere non solo in campionato e Coppa Italia, ma anche in Europa e che non siamo noi la squadra da battere, ma la consapevolezza acquisita nel corso di questa stagione e che parte dalle precedenti, ci dà grande fiducia. La continuità di risultati degli ultimi mesi, l'aver giocato alla pari con le nostre avversarie avendole già battute almeno una volta quest'anno, il primato in classifica che ci permette di arrivare a questo appuntamento da testa di serie, sono elementi oggettivi che ci fanno fortemente credere di potercela giocare con concrete possibilità. Ed è quello che vogliamo fare con tutte le nostre forze. La semifinale con Ragusa sarà durissima: loro sono l'unica squadra che, in casa nostra, ci ha messo sotto per lunghi tratti della gara. Il loro nuovo assetto con Ndour da numero 3 ci potrà creare problemi difensivi negli accoppiamenti e a rimbalzo, oltre che offensivi per la grande fisicità del loro quintetto. Dovremo superarci per batterle. Confidiamo anche nel fatto che molti tifosi vengano a sostenerci: ci piacerebbe veramente regalare a loro ed a noi il primo trofeo che sarebbe il coronamento di alcune stagioni ad altissimo livello".
Leggi...
20/02/2017

Coppa Italia A1/A2
La Coppa Italia di Serie A1 giunge alla sua 32ª edizione, avendo vissuto 3 fasi distinte: una prima dal 1969 al 1974 caratterizzata dal poker di vittorie della Standa Milano, con gli intermezzi di Treviso (1970) e Geas Sesto San Giovanni (1973). Poi, dopo un vuoto di 10 anni, ci fu un altro tentativo di riportare in auge il trofeo nel 1984 (vittoria di Viterbo), infine dal 1993, con l’organizzazione affidata alla Lega Basket Femminile, la manifestazione ha acquisito una dignità aumentando in misura esponenziale il proprio prestigio.

Una competizione che ha visto sfidarsi le migliori squadre del panorama nazionale e che quest’anno, il 25 e 26 Febbraio, avrà come cornice una splendida Venezia in pieno Carnevale. Un suggestivo connubio tra spettacolo, cultura e sport, un’occasione unica per un evento che da sempre unisce tutti gli appassionati del basket femminile e non solo.

In questo 2017 si contenderanno la Coppa Famila Wuber Schio, Umana Reyer Venezia, Passalacqua Ragusa e Gesam Gas&Luce Lucca, ognuna con delle forti motivazioni e la voglia di portare a casa l’ambito trofeo, dando un forte segnale anche in ottica Campionato.

Un po’ di storia e di numeri da quando la LegA Basket Femminile ha iniziato ad organizzare la Coppa Italia. La squadra che vanta il maggior numero di successi è Schio, che si è imposta per ben 9 volte (1996, 1999, 2004, 2005, 2010, 2011, 2013, 2014, 2015) e punta nuovamente alla decima dopo la cocente delusione dello scorso anno, un traguardo storico che la incoronerebbe, qualora ce ne fosse ancora bisogno, come la “regina” incontrastata della Coppa.
Negli anni ’90 la protagonista fu la Comense che conquistò per ben 4 volte il trofeo (1993, 1994, 1995, 1997), con l’ultimo successo risalente al 2000; a seguire Parma con 3 successi (1998, 2001, 2002), Taranto (2003, 2012) e Faenza (2007, 2009) con 2 coppe in bacheca, poi con una sola vittoria Ribera nel 2006, Venezia nel 2008 fino l’ultima edizione del 2016 con lo storico successo di Ragusa proprio ai danni della pluridecorata Schio.
Tra le quattro partecipanti di questa edizione Lucca è l’unica a non aver mai alzato il trofeo, nonostante le due finali disputate, una in casa nel 2013 e l’altra nel 2014, sconfitta in entrambe le occasioni proprio da Schio.

Venezia ha già ospitato la manifestazione nel 2003 e nel 2010, edizioni che hanno contribuito a scrivere pagine importanti di storia: la Final Six del 2003 coincise con la rivoluzione del basket, che prese spunto dalla decisione coraggiosa della LegA di adottare il pallone della misura numero 6, scelta che poco dopo venne adottata a livello internazionale cambiando, di fatto, in positivo il livello tecnico e spettacolare del basket femminile; la Final Four del 2010, invece, verrà ricordata per l’appassionante epilogo con il derby Schio-Venezia che fece registrare il sold out sugli spalti del Taliercio.

Solo in 4 occasioni la squadra che ha ospitato l’evento è riuscita poi ad ottenere l’ambita Coppa Italia: comanda questa particolare classifica Parma con i successi del 1998 e del 2001, seguono Schio (1996) e Faenza (2009).

Lo sponsor della Final Four sarà Umana, azienda leader nel settore e da anni main sponsor proprio della Reyer Venezia, una partnership che ha reso possibile organizzare al meglio una manifestazione di notevole rilevanza come il "Trofeo Umana" Coppa Italia di Serie A1.

Appuntamento quindi il 25 e 26 Febbraio al Palasport Taliercio, per un evento da non perdere...



Area Comunicazione LBF
Leggi...
20/02/2017

Coppa Italia A1/A2La Coppa Italia di Serie A1 giunge alla sua 32ª edizione, avendo vissuto 3 fasi distinte: una prima dal 1969 al 1974 caratterizzata dal poker di vittorie della Standa Milano, con gli intermezzi di Treviso (1970) e Geas Sesto San Giovanni (1973). Poi, dopo un vuoto di 10 anni, ci fu un altro tentativo di riportare in auge il trofeo nel 1984 (vittoria di Viterbo), infine dal 1993, con l’organizzazione affidata alla Lega Basket Femminile, la manifestazione ha acquisito una dignità aumentando in misura esponenziale il proprio prestigio.

Una competizione che ha visto sfidarsi le migliori squadre del panorama nazionale e che quest’anno, il 25 e 26 Febbraio, avrà come cornice una splendida Venezia in pieno Carnevale. Un suggestivo connubio tra spettacolo, cultura e sport, un’occasione unica per un evento che da sempre unisce tutti gli appassionati del basket femminile e non solo.

In questo 2017 si contenderanno la Coppa Famila Wuber Schio, Umana Reyer Venezia, Passalacqua Ragusa e Gesam Gas&Luce Lucca, ognuna con delle forti motivazioni e la voglia di portare a casa l’ambito trofeo, dando un forte segnale anche in ottica Campionato.

Un po’ di storia e di numeri da quando la LegA Basket Femminile ha iniziato ad organizzare la Coppa Italia. La squadra che vanta il maggior numero di successi è Schio, che si è imposta per ben 9 volte (1996, 1999, 2004, 2005, 2010, 2011, 2013, 2014, 2015) e punta nuovamente alla decima dopo la cocente delusione dello scorso anno, un traguardo storico che la incoronerebbe, qualora ce ne fosse ancora bisogno, come la “regina” incontrastata della Coppa.
Negli anni ’90 la protagonista fu la Comense che conquistò per ben 4 volte il trofeo (1993, 1994, 1995, 1997), con l’ultimo successo risalente al 2000; a seguire Parma con 3 successi (1998, 2001, 2002), Taranto (2003, 2012) e Faenza (2007, 2009) con 2 coppe in bacheca, poi con una sola vittoria Ribera nel 2006, Venezia nel 2008 fino l’ultima edizione del 2016 con lo storico successo di Ragusa proprio ai danni della pluridecorata Schio.
Tra le quattro partecipanti di questa edizione Lucca è l’unica a non aver mai alzato il trofeo, nonostante le due finali disputate, una in casa nel 2013 e l’altra nel 2014, sconfitta in entrambe le occasioni proprio da Schio.

Venezia ha già ospitato la manifestazione nel 2003 e nel 2010, edizioni che hanno contribuito a scrivere pagine importanti di storia: la Final Six del 2003 coincise con la rivoluzione del basket, che prese spunto dalla decisione coraggiosa della LegA di adottare il pallone della misura numero 6, scelta che poco dopo venne adottata a livello internazionale cambiando, di fatto, in positivo il livello tecnico e spettacolare del basket femminile; la Final Four del 2010, invece, verrà ricordata per l’appassionante epilogo con il derby Schio-Venezia che fece registrare il sold out sugli spalti del Taliercio.

Solo in 4 occasioni la squadra che ha ospitato l’evento è riuscita poi ad ottenere l’ambita Coppa Italia: comanda questa particolare classifica Parma con i successi del 1998 e del 2001, seguono Schio (1996) e Faenza (2009).

Lo sponsor della Final Four sarà Umana, azienda leader nel settore e da anni main sponsor proprio della Reyer Venezia, una partnership che ha reso possibile organizzare al meglio una manifestazione di notevole rilevanza come il "Trofeo Umana" Coppa Italia di Serie A1.

Appuntamento quindi il 25 e 26 Febbraio al Palasport Taliercio, per un evento da non perdere...



Area Comunicazione LBF
Leggi...
14/02/2017

Coppa Italia A1/A2
Di quanto risponda a verità la citazione che “i numeri hanno vita” lo scopriamo ogni volta che, celebrando una ricorrenza, automaticamente la nostra mente lavora a ritmo riavvolgendo il nastro dei ricordi e scoprendo aneddoti che credevamo dimenticati.

La stagione che si è aperta con il compleanno numero 40 della LegA Basket Femminile è stata, fin dal principio, una di queste occasioni, ed è stato ancor più bello scoprire, lungo il cammino, altri numeri significativi.

E’ il caso della Coppa Italia di Serie A2 la cui edizione in programma dal 3 al 5 Marzo prossimi a Costa Masnaga sarà la numero 20 della serie, la seconda consecutiva organizzata in Lombardia la terza dal 1998 ad oggi.

La statistica dice che in 9 occasioni su 19 chi ha organizzato la fase finale ha poi alzato la Coppa Italia (’98 Varese, ’01 Rovereto, ’02 Napoli, ’06 Chieti, ’07 Marghera, ’09 Pontedera, ’12 Bologna, ’14 Napoli, ’16 Broni), e in altre 5 la squadra di casa è arrivata alla finale.

In testa alla classifica delle vittorie c’è Napoli che ha vinto la Coppa Italia per 3 volte (2 dalla società Napoli Basket Vomero e 1 dall’attuale Dike), seguita da Rovereto, Pontedera e Bologna con 2 vittorie e da Varese (vittoriosa dell’edizione numero 1), Albino, Bolzano, Vicenza, Chieti, Marghera, Venezia, La Spezia, Geas e Broni con 1 vittoria a testa.

Per dare la misura del livello di questa manifestazione basta pensare che la finale dell’ultima edizione disputata, Broni-La Spezia, oggi è una sfida che si ripete a livello di Serie A1.

Per l’edizione numero 20 è stata scelta la suggestiva e spettacolare formula della Final Eight: 8 squadre partecipanti in rappresentanza di altrettante città (Empoli, Ferrara, Civitanova Marche, Sesto San Giovanni, Bologna, Orvieto, Vicenza e Costa Masnaga) e di una popolazione complessiva di oltre 830.000 unità.

8 squadre, 8 città, 6 regioni (Lombardia e Emilia quelle con due rappresentanti), 96 giocatrici, 9 delle quali nate in un Paese estero. 

Numeri che sono garanzia non solo di spettacolo, dato il valore delle squadre che si sono conquistate, è il caso di dirlo, la partecipazione alla Final Eight, ma anche di interesse da parte di appassionati e addetti ai lavori, considerato che sul parquet potranno vedere all’opera grandi giocatrici e ottimi prospetti in chiave futura, come Ilaria Panzera che, come molte altre “colleghe” dovrà probabilmente dividersi tra i banchi di scuola (venerdì e sabato mattina) o giustificare l’assenza, considerato che ha 14 anni (è nata l’8 Luglio 2002).

Nei prossimi giorni parleremo anche dello Sponsor MIA, azienda innamorata del basket e degli eventi che il nostro sport propone considerato che nella stagione 2015 fu title sponsor della Coppa Italia di Serie A3, e di altre curiosità statistiche legate alle magnifiche 8 squadre partecipanti.

Poi lasceremo la parola al campo, e la scena alle protagoniste: le donne del basket italiano!



Area Comunicazione LBF
Leggi...
14/02/2017

Coppa Italia A1/A2Di quanto risponda a verità la citazione che “i numeri hanno vita” lo scopriamo ogni volta che, celebrando una ricorrenza, automaticamente la nostra mente lavora a ritmo riavvolgendo il nastro dei ricordi e scoprendo aneddoti che credevamo dimenticati.

La stagione che si è aperta con il compleanno numero 40 della LegA Basket Femminile è stata, fin dal principio, una di queste occasioni, ed è stato ancor più bello scoprire, lungo il cammino, altri numeri significativi.

E’ il caso della Coppa Italia di Serie A2 la cui edizione in programma dal 3 al 5 Marzo prossimi a Costa Masnaga sarà la numero 20 della serie, la seconda consecutiva organizzata in Lombardia la terza dal 1998 ad oggi.

La statistica dice che in 9 occasioni su 19 chi ha organizzato la fase finale ha poi alzato la Coppa Italia (’98 Varese, ’01 Rovereto, ’02 Napoli, ’06 Chieti, ’07 Marghera, ’09 Pontedera, ’12 Bologna, ’14 Napoli, ’16 Broni), e in altre 5 la squadra di casa è arrivata alla finale.

In testa alla classifica delle vittorie c’è Napoli che ha vinto la Coppa Italia per 3 volte (2 dalla società Napoli Basket Vomero e 1 dall’attuale Dike), seguita da Rovereto, Pontedera e Bologna con 2 vittorie e da Varese (vittoriosa dell’edizione numero 1), Albino, Bolzano, Vicenza, Chieti, Marghera, Venezia, La Spezia, Geas e Broni con 1 vittoria a testa.

Per dare la misura del livello di questa manifestazione basta pensare che la finale dell’ultima edizione disputata, Broni-La Spezia, oggi è una sfida che si ripete a livello di Serie A1.

Per l’edizione numero 20 è stata scelta la suggestiva e spettacolare formula della Final Eight: 8 squadre partecipanti in rappresentanza di altrettante città (Empoli, Ferrara, Civitanova Marche, Sesto San Giovanni, Bologna, Orvieto, Vicenza e Costa Masnaga) e di una popolazione complessiva di oltre 830.000 unità.

8 squadre, 8 città, 6 regioni (Lombardia e Emilia quelle con due rappresentanti), 96 giocatrici, 9 delle quali nate in un Paese estero. 

Numeri che sono garanzia non solo di spettacolo, dato il valore delle squadre che si sono conquistate, è il caso di dirlo, la partecipazione alla Final Eight, ma anche di interesse da parte di appassionati e addetti ai lavori, considerato che sul parquet potranno vedere all’opera grandi giocatrici e ottimi prospetti in chiave futura, come Ilaria Panzera che, come molte altre “colleghe” dovrà probabilmente dividersi tra i banchi di scuola (venerdì e sabato mattina) o giustificare l’assenza, considerato che ha 14 anni (è nata l’8 Luglio 2002).

Nei prossimi giorni parleremo anche dello Sponsor MIA, azienda innamorata del basket e degli eventi che il nostro sport propone considerato che nella stagione 2015 fu title sponsor della Coppa Italia di Serie A3, e di altre curiosità statistiche legate alle magnifiche 8 squadre partecipanti.

Poi lasceremo la parola al campo, e la scena alle protagoniste: le donne del basket italiano!



Area Comunicazione LBF
Leggi...
13/02/2017

Coppa Italia A1/A2
L’Umana Reyer rende noto che è iniziata la prevendita dei tagliandi delle Final Four di Coppa Italia femminile denominate “Trofeo Umana”, per l’occasione title sponsor dell’evento, in programma al Palasport Taliercio sabato 25 e domenica 26 febbraio.

Le partite
Di seguito il programma delle partite delle Final Four di Coppa Italia “Trofeo Umana”:
Sabato 25 febbraio 2017
Ore 17.30: Umana Reyer Venezia – Famila Wuber Schio
Ore 19.45: Gesam Gas Lucca – Passalacqua Ragusa
Domenica 26 febbraio 2017
Ore 18.00: Finale Vincente gara 1 – Vincente gara 2 Diretta tv su Sportitalia

I biglietti
La società orogranata in occasione delle Final 4 di coppa Italia denominate “Trofeo Umana” ha voluto riservare un trattamento speciale per i propri abbonati. Tutti i titolari di tessere EuroGold Numerato, EuroGold, Silver e Under 24 potranno assistere gratuitamente a tutte le partite delle Final Eight di Coppa Italia. La società ha voluto così premiare ulteriormente la fiducia dei sostenitori più fedeli al progetto dell’Umana Reyer.
Inoltre, a conferma della volontà di coinvolgere i più giovani, anche tutti gli Under 14 (indipendentemente dal possesso o meno di tessere Reyer) potranno accedere gratuitamente a tutte le partite delle Final Four (fino ad esaurimento dei posti disponibili). Il biglietto del sabato sarà valido per entrambe le partite.
Per la due giorni del “Trofeo Umana” non sarà istituito il settore numerato.
I canali di vendita sono i seguenti:
ReyerStore (martedì – sabato 15.30/19.30)
Punti vendita abilitati (vedi lista http://www.reyer.it/biglietterie/)
Online (http://www.vivaticket.it/?wms_op=reyer)
Per le tifoserie organizzate si prega di inviare una email a ticketing@reyer.it per ricevere informazioni sui settori riservati.

Di seguito i prezzi della biglietteria:

Sabato 25 febbraio
Prezzi per titolari di tessere Reyer
Abbonamento EuroGold Numerato Ingresso gratuito
Abbonamento EuroGold  Ingresso gratuito
Abbonamento Silver Ingresso gratuito
Abbonamento Under 24 Ingresso gratuito
Fidelity 5€
Prezzi per non titolari di tessere Reyer
Intero 10€
Ridotto (Under 24 – Over 65) 5€
Under 14  Ingresso gratuito (fino ad esaurimento posti disponibili)

Domenica 26 febbraio
Prezzi per titolari di tessere Reyer
Abbonamento EuroGold Numerato: Ingresso gratuito
Abbonamento EuroGold: Ingresso gratuito
Abbonamento Silver: Ingresso gratuito
Abbonamento Under 24: Ingresso gratuito
Fidelity: 5€
Prezzi per non titolari di tessere Reyer
Intero: 10€
Ridotto (Under 24 – Over 65): 5€
Under 14:  Ingresso gratuito (fino ad esaurimento posti disponibili)

Accrediti stampa
Prossimamente sarà pubblicato sul sito istituzionale www.legabasketfemminile.it il modulo per la richiesta di accredito per i giornalisti della carta stampata e delle emittenti radio – televisive nazionali e locali. Il termine ultimo per la presentazione dello stesso è fissato per mercoledì 22 febbraio. 
I giornalisti che necessitano di una linea telefonica dedicata in tribuna stampa dovranno comunicare tale esigenza nel modulo di accredito.
Leggi...
13/02/2017

Coppa Italia A1/A2L’Umana Reyer rende noto che è iniziata la prevendita dei tagliandi delle Final Four di Coppa Italia femminile denominate “Trofeo Umana”, per l’occasione title sponsor dell’evento, in programma al Palasport Taliercio sabato 25 e domenica 26 febbraio.

Le partite
Di seguito il programma delle partite delle Final Four di Coppa Italia “Trofeo Umana”:
Sabato 25 febbraio 2017
Ore 17.30: Umana Reyer Venezia – Famila Wuber Schio
Ore 19.45: Gesam Gas Lucca – Passalacqua Ragusa
Domenica 26 febbraio 2017
Ore 18.00: Finale Vincente gara 1 – Vincente gara 2 Diretta tv su Sportitalia

I biglietti
La società orogranata in occasione delle Final 4 di coppa Italia denominate “Trofeo Umana” ha voluto riservare un trattamento speciale per i propri abbonati. Tutti i titolari di tessere EuroGold Numerato, EuroGold, Silver e Under 24 potranno assistere gratuitamente a tutte le partite delle Final Eight di Coppa Italia. La società ha voluto così premiare ulteriormente la fiducia dei sostenitori più fedeli al progetto dell’Umana Reyer.
Inoltre, a conferma della volontà di coinvolgere i più giovani, anche tutti gli Under 14 (indipendentemente dal possesso o meno di tessere Reyer) potranno accedere gratuitamente a tutte le partite delle Final Four (fino ad esaurimento dei posti disponibili). Il biglietto del sabato sarà valido per entrambe le partite.
Per la due giorni del “Trofeo Umana” non sarà istituito il settore numerato.
I canali di vendita sono i seguenti:
ReyerStore (martedì – sabato 15.30/19.30)
Punti vendita abilitati (vedi lista http://www.reyer.it/biglietterie/)
Online (http://www.vivaticket.it/?wms_op=reyer)
Per le tifoserie organizzate si prega di inviare una email a ticketing@reyer.it per ricevere informazioni sui settori riservati.

Di seguito i prezzi della biglietteria:

Sabato 25 febbraio
Prezzi per titolari di tessere Reyer
Abbonamento EuroGold Numerato Ingresso gratuito
Abbonamento EuroGold  Ingresso gratuito
Abbonamento Silver Ingresso gratuito
Abbonamento Under 24 Ingresso gratuito
Fidelity 5€
Prezzi per non titolari di tessere Reyer
Intero 10€
Ridotto (Under 24 – Over 65) 5€
Under 14  Ingresso gratuito (fino ad esaurimento posti disponibili)

Domenica 26 febbraio
Prezzi per titolari di tessere Reyer
Abbonamento EuroGold Numerato: Ingresso gratuito
Abbonamento EuroGold: Ingresso gratuito
Abbonamento Silver: Ingresso gratuito
Abbonamento Under 24: Ingresso gratuito
Fidelity: 5€
Prezzi per non titolari di tessere Reyer
Intero: 10€
Ridotto (Under 24 – Over 65): 5€
Under 14:  Ingresso gratuito (fino ad esaurimento posti disponibili)

Accrediti stampa
Prossimamente sarà pubblicato sul sito istituzionale www.legabasketfemminile.it il modulo per la richiesta di accredito per i giornalisti della carta stampata e delle emittenti radio – televisive nazionali e locali. Il termine ultimo per la presentazione dello stesso è fissato per mercoledì 22 febbraio. 
I giornalisti che necessitano di una linea telefonica dedicata in tribuna stampa dovranno comunicare tale esigenza nel modulo di accredito.
Leggi...