Nella trasferta di Lucca l'Allianz Geas cade sul filo di lana, mancando l'ultimo tiro della vittoria dopo una gara molto equilibrata e caratterizzata da diversi mini-parziali. Incontro incerto fino alla fine, con entrambe le squadre che, in momenti differenti, riescono a staccarsi dalle avversarie senza però allungare definitivamente. Lucca supera così Sesto e sale in quinta posizione con 8 punti lasciando le ragazze di coach Zanotti in sesta (a 6 punti, come Vigarano, Broni ed Empoli). Nota di rilievo della sesta giornata: Ragusa vince comodamente (83-60) il big match con Venezia e rimane così in pole position in solitaria e da imbattuta con 12 punti.
Il Geas parte ingranando la marcia giusta con un 4-0 di Verona e Oroszova, ma le padrone di casa recuperano in fretta grazie alle buone iniziative di Jeffery. È ancora l'Allianz a trovare la spinta per il +3 con i punti di Oroszova, Brunner e Williams e con gli assist di una ispirata Panzera, ma, di nuovo, Lucca non permette alle ospiti di staccarsi. Sesto torna ancora a +3 con l'1/2 di Brooque Williams ai liberi, ma le toscane, con un 6-0 di soli tentativi a gioco fermo di Zempare e Orsili, riescono a convertire lo svantaggio in vantaggio. In chiusura di primo quarto un jumper dal gomito dell'area di Williams accorcia la distanza a 1 punto. Nella seconda frazione la guardia americana Williams si carica Sesto sulle spalle: il Geas prima produce un 5-0 in 40'' (con tripla di Williams) e poi si ripete con un altro 5-0 personale dell'esterna di Pittsburgh che raggiunge quota 8 punti segnati in soli 2'25'' nel periodo (+6 Allianz). Il vantaggio viene incrementato a 8 punti con il tiro in sospensione di Crudo (7-0 Geas in 1'40''); le lombarde non si fermano e, dopo aver incassato la tripla di Jakubcova, rispondono sempre dai 6.75 con Arturi e Oroszova (massimo +11 rossonero). Lucca però si riprende e macina in 1'10'' un contro-parziale di 6-0 tornando a -5: le sestesi buttano l'occasione di riallungare sbagliando 3 tiri liberi su 5 tentati nel giro di 1'20''. Lo svantaggio di Lucca sul finire del primo tempo viene ritoccato a -3 con altri 2 punti della lunga slovacca Jakubcova.
Nella ripresa i ritmi di gioco di entrambe le squadre si riconfermano altissimi: la partita procede in totale equilibrio (con sorpassi e contro-sorpassi di 1 solo punto) per più di 5', prima che Lucca riesca con alcune buone occasioni di Orsili, Smorto e Zempare a scavare un 7-0 in 2' (+6 per il Basket Le Mura). Le rossonere rispondono immediatamente con una tripla di Verona e una penetrazione di Crudo (5-0 in 1'30'' e -1). Nella prima metà della frazione finale Lucca trova con continuità la via del canestro con buoni movimenti offensivi e una quantità limitata di errori, mentre l'attacco del Geas vive frangenti di confusione sbagliando un eccessivo numero di tiri e non trovando punti per 6'40'': con un 6-0 le padrone di casa salgono a +7. Il primo canestro del quarto dell'Allianz arriva dalle mani di Ercoli, che è seguita poco dopo da Verona, con un piazzato dall'angolo, e da Panzera, con un semi-gancio ad alto coefficiente di difficoltà (6-0 Sesto in 1'30'' e -1). Madera con una tripla riporta le sue a 4 lunghezze di vantaggio ma Oroszova non sbaglia in penetrazione, Pastrello fa 0/2 dalla lunetta e Verona, con 30'' sul cronometro, ruba palla a centrocampo e riesce a servire Panzera che in contropiede impatta il risultato. Nell'altra metà campo Jeffery subisce fallo e fa 2/2 ai liberi: nell'ultima azione dell'Allianz, con 7'' da giocare, Oroszova sbaglia il jumper dalla distanza, Panzera strappa il lungo rimbalzo offensivo, ma il suo difficile tiro al volo sulla sirena è corto.
Il Geas tira con un buon 48% da due, ma commette molti errori dalla distanza (22%) e a gioco fermo (60%). Quasi specularmente, Lucca tira da due col 34%, ma è più precisa sia dall'arco (42%) che dalla lunetta (83%). Scontro equilibrato anche sotto le plance, con le padrone di casa che vincono di poco la gara a rimbalzo, con 35 contro 31. Entrambe le squadre, ma più Lucca che l'Allianz, commettono troppi errori nella gestione di palla, soprattutto nei momenti più caldi e intensi della partita: le ragazze di coach Iurlaro perdono 23 palloni recuperandone solamente 2, mentre Sesto ne perde 13 e ne ruba 3. Le uniche due lucchesi in doppia cifra di punti sono Jeffery (17, con 2/3 da tre e 5/5 ai liberi, 6 rimbalzi, 3 assist e 22 di valutazione) e Jakubcova (14, con 3/4 da due, 2/2 da tre, 2/2 ai liberi, e 10 rimbalzi); buona prestazione anche della regista Bonasia, che chiude con 9 punti, 4 rimbalzi e 7 assist (ma 7 palle perse). Tra le rossonere, la top scorer è Brooque Williams, che però non riesce a segnare per tutto il secondo tempo: la guardia finisce a 15 punti, 2 rimbalzi e 2 assist. Segnano 11 punti sia Verona sia Oroszova, che aggiungono rispettivamente 2 rimbalzi, 1 assist, 1 recuperata, 0 palle perse e 8 rimbalzi, 2 assist e 15 di valutazione. Iniziative positive arrivano anche da parte di Crudo (8 punti, 5 rimbalzi e 2 assist), Panzera (7 punti, 5 rimbalzi, 2 assist, ma ancora limitata dai falli: 3 poco dopo la metà della seconda frazione) e Brunner (6 punti, 7 rimbalzi e 2 assist).

A questo link il tabellino completo della partita:

http://www.legabasketfemminile.it/MatchStats.aspx?ID=247&MID=43737

Ecco i risultati degli altri incontri della sesta giornata di campionato: Vigarano – Palermo 88-75; Broni – Torino 78-73; Schio – Battipaglia 63-47; Bologna – Costa Masnaga 67-73; Empoli – San Martino 52-83; Ragusa – Venezia 83-60.

La prossima settimana sarà dedicata interamente agli impegni di qualificazione agli europei delle nazionali: la serie A1 tornerà tra due weekend. Allora, l'Allianz Geas affronterà la trasferta di Costa Masnaga, sabato 23 novembre alle ore 21.

COACH ZANOTTI – "Abbiamo disputato un buon primo tempo, commettendo qualche errore difensivo ma giocando con ritmo in attacco. Nel secondo tempo ci siamo arenate nella metà campo offensiva muovendo poco la palla e cercando soprattutto iniziative individuali. La mancanza di gioco di squadra ci ha un po' penalizzato e abbiamo segnato sicuramente poco. Era una partita che avremmo potuto vincere, persa alla fine per soli 2 punti: il risultato ci sta. Testa alla prossima gara: da dopo questo piccolo break a causa della pausa nazionali si ricomincia a lavorare".

Partner