13 febbraio 2019
Tweet
Share on Facebook

Niente da fare per il Beretta Famila Schio, che viene sconfitto nettamente a Ekaterinburg dalle padrone di casa col punteggio di 77-46, nella penultima giornata di EuroLeague Women.
Tante le attenuanti per le Orange, dalla lunga trasferta alle assenze (Dotto e Filippi non a disposizione), senza scordare l'evidente gap tecnico contro una formazione che gioca per vincere la massima competizione europea. Già nel primo quarto la squadra russa allunga sul +10 grazie alle sortite di Vandersloot e Vadeeva: Schio, nonostante le difficoltà inusuali di Quigley (0/8 dal campo), prova a tener botta con le lunghe. Gruda e Lavender sono molto incisive per mantenere in vita il team di Vincent, sul -9 all'intervallo solo per a tripla di Meesseman quasi a tempo scaduto.
Il rientro dagli spogliatoi, però, è da incubo per le ospiti che prendono un poderoso 24-7 di break che distrugge la partita. Ekaterinburg è un'autentica macchina da guerra, guidata tra le altre da Torrens (11 punti, 13 rimbalzi) e Griner (14 punti, 9 rimbalzi). Sul 60-34, l'ultimo periodo è solo per le statistiche: nel tabellino, sicuramente per Schio in evidenza Gruda, 16 punti e 9 rimbalzi.
Adesso le venete, non padrone del proprio destino, attendono l'esito del match di Praga tra le ceche e Lille: una vittoria della squadra di casa rimanderebbe tutto all'ultima giornata. Le dita delle scledensi sono già idealmente incrociate.

UMMC Ekaterinburg-Beretta Famila Schio 77-46

(Foto FIBA)

Area Comunicazione LBF

PARTNER