Prima giornata di ritorno sicuramente significativa per il Girone Nord: il successo di Crema nel big match, la prima vittoria di Marghera, l'affermazione al fotofinish di Alpo e Bolzano sono gli “highlights” di giornata.

Pesantissima la vittoria 50-34 di Crema contro Moncalieri: un successo che consente alle cremasche di agganciare la capolista a quota 26 del campionato. La formazione bianco-blu non completa il sorpasso solo per la differenza canestri sfavorevole (-23 all’andata), ma lancia un segnale al campionato: una prestazione difensiva quadrata, tenendo Moncalieri al 29% da due e al 17% da tre, con Rizzi a tenere le fila in attacco con 12 punti personali.

Dietro al duo di testa, con buon margine di quattro punti su chi la precede, sempre più sicura Alpo: 55-59 il punteggio contro il Sanga Milano, in una gara che la squadra di Soave porta a casa con grande resilienza, grazie a un canestro decisivo su rimbalzo d’attacco di Vespignani (primo canestro dal campo della sua partita). Importante per le venete la prova di Reani, 15 punti e 5 rimbalzi; per Sanga grande prestazione di Beretta, 20 punti.

Anche Bolzano riesce a strappare i due punti, 58-57 su Ponzano grazie a una tripla decisiva di Valerio (13 punti) a un secondo dal termine. La squadra di Sacchi ha 14 da Degiovanni e 15 da Nasraoui, dall’altra parte bene Leonardi (15 punti, 8 rimbalzi). Per le bolzanine quarto posto in solitaria complice il riposo di Carugate che ferma le lombarde in classifica.

Senza dubbio degna di nota la prima vittoria per Marghera, un 53-62 che non consente alle venete di ribaltare la differenza canestri rispetto alla sconfitta Vicenza, ma quantomeno dà un po’ di respiro in classifica. Prima vittoria stagionale ottenuta senza la straniera Villaruel, ma con 17 punti di un’ottima Camporeale: Vicenza, dal canto suo, si lecca le ferite dopo il quattordicesimo ko di fila in cui il rovescio della medaglia è la buona prestazione di Profaiser, 18 punti e 7 rimbalzi.

Significativo anche il successo di Udine sul campo di Mantova, anche qui senza una straniera, Vente, per la terza partita di fila: 53-58 per la squadra di Matassini, guidata da una Turel da 14 punti e dai 13 di Rainis. Mantovane sconfitte, ma comunque discreta prestazione con Monica, 21 punti, in evidenza su tutte.

Chiudono il turno due larghe vittorie: bene Castelnuovo Scrivia che vince 70-47 su San Martino di Lupari, nonostante l’assenza di Podrug, contro un Fanola San Martino di Lupari privo delle giocatrici in organico con la Serie A1. Controlla agevolmente la squadra di Pozzi a partire dal 20-4 del primo quarto, per poi gestire condotta da Albano, 18 punti e 9 rimbalzi, e dai 14 di Bonvecchio e Pavia.

Albino vince 63-47 su Sarcedo con la solita ottima prestazione di Grudzien, 15 punti e 12 rimbalzi, e un buon impatto dalla panchina di Agazzi (10) e Locatelli (8). Dall’altra parte 18 di Viviani. Il risultato delle lombarde e gli sviluppi dagli altri campi creano adesso una situazione di classifica incredibilmente incerta: dal settimo all’undicesimo posto, cinque squadre pari a quota 14. Può davvero succedere di tutto.

(Foto Alperia Bolzano - Donatello Vallotta)

Partner