Tutto bene nel ritorno in campo dell’Allianz Geas dopo un mese di stop forzato. Contro le molisane della Magnolia Campobasso, prive di Linskens, Wojta e Ostarello, le rossonere, senza Sara Crudo, passano per 89-73 dopo una gara di intensità e buone scelte. Le ragazze di coach Zanotti, nonostante qualche calo di concentrazione a metà del primo quarto e nel terzo periodo, comprensibile dopo il lungo stop e la convalescenza da Covid di quasi tutto l’organico, portano a casa due punti importanti per iniziare col piede giusto la striscia di fitti impegni del prossimo dicembre, che inizierà già mercoledì 2 con la trasferta di Costa Masnaga. 
Le padrone di casa, mai in svantaggio, producono molti parziali grazie alla combinazione di aggressività difensiva ed efficienza in attacco, e, oltre a ripartire dalle certezze Gwathmey e Graves, 23 e 17 punti, recuperano anche Ilaria Panzera, mai entrata in campo in questo avvio di stagione a causa di un infortunio alla mano, che tiene bene il campo e dimostra di avere sintonia anche con il reparto lunghe. Dopo il +13 del primo quarto, nel secondo le padrone di casa toccano il massimo vantaggio di 18 lunghezze per poi subìre una rapida risposta delle avversarie. Alle molisane va inoltre il merito di non demordere e di rientrare dal largo svantaggio con tenacia e intensità difensiva nella ripresa, grazie soprattutto alla precisione dall’arco.
La gara si apre nel segno di Jazmon Gwathmey: la talentuosa esterna inizia in proprio e produce un personale 7-0 in 50’’ con un piazzato, un appoggio e una tripla dall’angolo. Tra le molisane risponde Bonasia, ma poco dopo, coi canestri di Verona e Graves, il Geas sale a +9 (complessivamente 11-2 in 2’10’’). Bonasia però non ci sta e macina in 45’’ un 5-0 individuale, prima che Bove allunghi la striscia delle ospiti a 7-0 (in 1’45’’: -1 dalle sestesi). Nella seconda metà del primo quarto, l’Allianz riesce a limitare le iniziative delle avversarie in difesa e dall’altra parte scava un profondo 12-0 (con Gwathmey, Graves, Verona ed Ercoli), che vale il +13. All’inizio della seconda frazione le ragazze di coach Zanotti aumentano ulteriormente il vantaggio con buoni colpi sia da distanza ravvicinata sia da fuori, fino a quando, a metà del periodo, arrivano al massimo +18 (38-20). Campobasso riesce però a tenere e a invertire la tendenza: con Gorini e Sanchez le ragazze di coach Sabatelli producono un 9-0 in 1’25’’ che vale il -8. In chiusura di primo tempo Panzera segna due canestri consecutivi in appoggio, per il 45-33 di metà gara.
Nella ripresa le molisane tornano sul parquet molto concentrate e, nonostante l’intensità della difesa rossonera, riescono con Sanchez, Bove e Mancinelli a macinare un 8-0 in 3’ (-4). La seconda metà del terzo quarto procede più equilibrata, con iniziative in velocità e su gioco organizzato sia da una parte che dall’altra. Le rossonere, grazie a Oroszova e a Verona, riescono a tornare a +10, prima che nell’altra metà campo si distinguano Gorini e Mancinelli. Il bel jumper in fade-away di Graves e il tiro in sospensione di Gwathmey impediscono alle avversarie di scappare. In apertura di ultimo quarto per le ospiti si accende Giardina, mentre tra le sestesi a segnare pensano Ercoli, Verona e Gwathmey. A metà della frazione, la capitana Arturi, Gwathmey, Panzera ed Ercoli collaborano per l’11-0 in 2’30’’ che le riporta al massimo +18. In chiusura, Bonasia prova a ridurre la distanza mettendo a segno 8 punti in poche azioni, ma dall’altra parte sono efficaci ancora Gwathmey, Panzera e Graves, che chiude l’incontro con una bomba a 5’’ dalla sirena.
Ottima prova al tiro per l’Allianz, che trova il canestro col 58.1% da due, col 50% dall’arco e col 100% a gioco fermo. Buonissime anche le percentuali delle molisane, che pagano forse le 11 palle perse e in generale il minor numero di occasioni: 55.2% da due, 48% da tre e 71.4 ai liberi. Pari la gara a rimbalzo, con 27 per Sesto e 26 per Campobasso. Buona prova per le lunghe Geas, molto efficaci nel pitturato. Top scorer dell’incontro Jazmon Gwathmey, che chiude un’ottima prestazione da 23 punti (62.5% da due, 37.5% dalla distanza, 4/4 dalla lunetta), 2 rimbalzi e 2 recuperi. Bene anche Bashaara Graves, che finisce con 17 punti (66.7% da due, 1/1 da tre e 2/2 ai liberi) e 4 rimbalzi. In doppia cifra anche Ilaria Panzera, con 10 punti, 6 rimbalzi e 4 assist, Costanza Verona, 13 punti, 5 rimbalzi, 3 recuperi e 4 assist, Elisa Ercoli, 13 punti (5/5 da due e 1/1 dalla lunetta) e Sabina Oroszova, 10 punti e 5 rimbalzi.
Tra le ragazze di coach Sabatelli la miglior marcatrice è Elisa Mancinelli, con 18 punti e 4 rimbalzi. In doppia cifra anche Erica Sanchez, 15 con 5 rimbalzi, e Valentina Bonasia, 13 punti, 3 rimbalzi e 2 assist.
A questo link il tabellino completo della partita.

Ecco i risultati degli altri incontri di questa giornata: San Martino di Lupari – Schio 56-76; Costa Masnaga – Sassari 76-57; Bologna – Battipaglia 102-69; Empoli – Vigarano 79-62; Venezia – Ragusa 92-65.
COACH ZANOTTI – “Dovevamo riprendere a giocare e così abbiamo fatto. A tratti è stata una buonissima gara, dobbiamo però ritrovare fluidità in attacco e maggior attenzione in difesa, senza permetterci cali. Tutte le distrazioni alternate alle buone cose erano previste dopo lo stop: ora possiamo e dobbiamo solo migliorare”.
Il prossimo impegno dell’Allianz Geas sarà la trasferta a Costa Masnaga, mercoledì 2 alle ore 19.

Title Sponsor Serie A1
Partner
Partner Tecnici
Media Partner